Pensavo…

Settimana scorsa ho tenuto una serata per genitori. Il tema era Bambini difficili.

Preparandola pensavo alle mamme e ai papà che incontro in consulenza e che spesso sono competenti, informati, attenti e volenterosi ma si trovano lo stesso disarmati quando, nonostante l’impegno, le cose con i loro figli non vanno come si aspetterebbero.

Di solito cerco di lasciare molto spazio allo scambio di idee e lo dichiaro subito: mentre parlo fermatemi e ditemi di quali chiarimenti avete bisogno. Dubbi e domande non mancano mai.

L’altra sera però hanno preso il sopravvento. Sarà stato il tema particolarmente sentito ma più che parlare sono finita a dare voce alle fatiche delle mamme presenti, a cercare di fare da specchio per riflettere le immagini che prendevano corpo dalle loro parole e che ci facevano riflettere.

E’ stato un incontro più simile ad un gruppo genitori (di quelli che vorrei tanto far partire alla casa sull’albero) che ad una serata informativa.

E quindi è andata così che mi sono trovata in questa stanza insieme a mamme molto sul pezzo eppure così incerte. Non raccontavano solo di ciò che accade in casa loro, ma dicevano di sé, del loro rapporto con i figli e delle loro dinamiche familiari e ad un certo punto mi sono trovata a stupirmi della naturalezza con cui dicevano cose molto intime e spinose di fronte ad un gruppo di perfetti sconosciuti. Mi sono chiesta cosa le spingesse.

Credo che la risposta sia in ciò che penso da tanto: più che di manuali i genitori hanno bisogno di confronto, di scambio, di accompagnamento, di ritrovarsi nelle parole di qualcuno o di riconoscere nella loro estraneità alle esperienze di altri la loro identità.

E sono convinta sia così anche perché lo vivo in prima persona, io che di manuali ne ho letti parecchi e dovrei saperne più di qualcun altro eppure finisce sempre allo stesso modo: parlo con loro da pedagogista e imparo qualcosa come mamma.

*Simona*

(ph: luigisutera12)

One thought

  1. Spesso e volentieri il confronto è necessario per riuscire a capire il mondo degli altri, le difficoltà comuni… E le caratteristiche proprie. Dire certe cose a voce alta, e non solo ascoltarle o leggere, ci aiuta a comprendere meglio.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...