#FermiTuttiAnziNO Il gioco del cucù

Stanno proseguendo gli ambientamenti alla casa sull’albero e con ottobre abbiamo iniziato a proporre le nostre attività.

Io mi occupo del laboratorio di psicomotricità e sempre in questa prima parte dell’anno c’è un gioco che i bimbi amano fare e rifare.

Il gioco del cucù.

i bimbi prendono da terra io teli elasticizzati e le lenzuola e creano delle tane dove potersi nascondere.

Aspettano che l’adulto li cerchi chiamandoli a gran voce e poi escono ridendo dal nascondiglio per poi  tornare a non farsi vedere.

Un gioco all’apparenza banale che in realtà aiuta i bambini a controllare l’esperienza per cui le persone spariscono e poi ricompaiono.

Grazie a questo gioco il bimbo ha un’esperienza concreta del fatto che le persone esistono anche quando lui non le vede e lo aiuta a metabolizzare il distacco dalle figure di riferimento, consentendogli di superare la paura dell’abbandono.

Questo gioco inizia a interessare i bambini in genere dai 7/9 mesi, prima potrebbe provocare reazioni di paura da parte dei bambini perchè il loro cervello ancora non consente loro di capire che un oggetto/una persona possono esistere anche se non la vedono.

Spesso i bimbi richiedono anche a casa di poter fare questo gioco che può prendere diverse sfumature; a volte creano dei nascondigli, a volte prendono dei teli, si sdraiano e chiedono all’adulto di ricoprirli, a volte vogliono farsi coprire stando in piedi.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Generalmente quando questo gioco è fatto in un contesto educativo, il bambino  almeno inizialmente chiede che sia l’adulto a scoprire chi si nasconde sotto il telo e non un suo pari. I bambini vogliono essere visti, riconosciuti, cercati. Vogliono capire e sentirsi confermare che l’adulto è li per loro, che li guarda ed è parte attiva dei suoi giochi.

Successivamente scoprono il divertimento nel farlo a vicenda con i compagni.

E’ importante riconoscere in questo gioco la richiesta implicita dei bambini di aiutarli a metabolizzare il distacco e soprattutto tenere a mente che  non è importante solo in fase di ambientamento.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...